Aida Est – da Verona a Trieste

Vacanza di famiglia, quest’anno a pedali, sette giorni in bici tra il 16 e il 27 agosto. Ci orientiamo sulla ciclovia Aida, Alta Italia Da Attraversare, progetto di Fiab a cui mi sono interessato durante l’inverno 2019 e che nel frattempo ha prodotto una guida cartacea (Aida Est, Ediciclo Editore), le tracce GPX e una app ufficiale, che ho trovato utile quando non indispensabile.
Domenica 16, partiamo per Verona dove ci incontriamo col Gallo ed Elena per una cena prepartenza propiziatoria. Bella serata, e dopo i saluti rientriamo in auto in albergo. O almeno questa era l’idea, ma al primo incrocio sbaglio la svolta e prendo il marciapiede, taglio la gomma posteriore e resto lì, sbigottito, a contemplare il capolavoro. E adesso? Torniamo in albergo in bici? Ma no, svuotiamo il bagagliaio e montiamo il ruotino d’emergenza. Peccato che al primo dado mi si spezza la chiave sotto i piedi… Va bene, rientriamo in bici, porco di qui, porco di là, prepariamo tutto e ci facciamo in notturna la prima minipedalata della vacanza: dal centro di Verona alla profonda periferia sud.
Il giorno dopo, sbrigata la pratica gomma-auto-meccanico locale, si parte! Puntiamo l’Arena e da lì seguiamo i cartelli e l’app diretti a Vicenza. A parte il temporale e qualche chicco di grandine a Soave va tutto bene, ma la partenza tardiva e il meteo ci costringono a fermarci a Montecchio Maggiore, qualche km prima del finale di tappa.
Vicenza la intravediamo all’ora di pranzo del giorno dopo, pranziamo alla “Gabbia dei matti” e proseguiamo senza intoppi fino a Padova, che mi sorprende per gli ampi spazi urbani e la ciclabilità diffusa.
Mercoledì 19 puntiamo Venezia, dove arriviamo percorrendo la ciclabile del ponte sulla laguna pieni di curiosità, e sollevati dallo scampato pericolo sui mega raccordi di Mestre a causa dei passaggi ciclabili introvabili…
Due giorni di Bike Park per goderci la città a piedi e poi ripartiamo diretti a Treviso, una bella tappa lungo il Sile ma con troppe forature: la sera cambio i copertoni e in un niente trasformo la Chiorda in una vera bici da randonnée!
Sabato 22 la tappona madre: Treviso Pordenone, 88km per fortuna con poco sterrato e senza il vento contrario che ci ha accompagnato spesso nei giorni scorsi.
Da lì a Udine e poi l’ultima tragica tappa (con rientro parziale da Cormons in treno) fino a Trieste, dove ci fermiamo un paio di giorni.
Giovedì 27 torniamo a Verona in treno, recuperiamo l’auto e rientriamo a casa.
Belle le tappe, stupende le città. Piacevole il contrasto tra l’ambiente agricolo/naturale dei percorsi e quello urbano delle soste.

Ecco le tappe in dettaglio su Strava:

  1. Verona Montecchio Maggiore
  2. Montecchio Maggiore Vicenza Padova
  3. Padova Venezia
  4. Venezia Treviso
  5. Treviso Pordenone
  6. Pordenone Udine
  7. Udine Trieste

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: