Anni ’20

Domenica 3 luglio 2016: dopo il rientro dalle vacanze è tempo di passare a salutare la mamma.
Fa caldo, non ho voglia di uscire in moto. Seguo il provvidenziale suggerimento di Annalisa e il pomeriggio si trasforma da “col casco in tangenziale” a “in città sulla anni ’20”.
Scendo in Porta Garibaldi e mi guardo un po’ Milano con calma: Brera, Piazza della Scala, Piazza Duomo, via Festa del Perdono, Porta Romana. Sembra una domenica a piedi, la città vuota di auto è piena di turisti.
La bici si comporta bene, è vero che il percorso è breve, ma sono comunque soddisfatto della risposta sul pavé.
Il ritorno è più impegnativo: parto da casa dell’Olimpia alle otto e un quarto, ancora in piena luce. Circonvallazioni, Darsena e tagli vari fino a piazza Piemonte, poi via Marghera e fuori in Forze Armate fino al Parco delle Cave. Il telefono é scarico e comunque non ho più voglia di far foto, adesso mi godo la pedalata.
Esco in velocità dal parco ma all’attacco del ponte azzurro di via Novara carico troppo sui pedali e la e farfalla lato catena cede: ruota storta, copertura frenata sul fodero e catena giù… Rimonto tutto e già che ci sono dò una tiratina ai raggi per centrare il cerchio.
Entro nel Bosco in città alle nove, una tempesta di moscerini, conigli come se piovesse e due aironi, che si spostano più lontano dal sentiero con due colpi d’ala ma non volano via. Magnifici.
Nel passaggio di fianco alla roggia, il punto più selvatico del corridoio verde, l’imbrunire diventa quasi buio. Ormai sono a Rho, punto la stazione e prendo il treno verso le dieci, pochi minuti e sono a Legnano, casa. Ah! la mamma sta bene.

Annunci

4 Risposte to “Anni ’20”

  1. enrico tammiso Says:

    Allora caro amico che non so come ti chiami, intanto grazie per le tue belle pagine milanesi, che da buon veneto mi fan comunque sentire un pò a casa. E poi e poi, dimmi qualcosa di questa nonnina, che marca è, che cerchi ha , se i freni sono i suoi ecc ecc ecc tutto quello che vuoi. è bellissima . Enrico- delta del Po (salutami Marco Donà)

    • viaggiatorierranti Says:

      Sono Diego Enrico, ciao. Pazienta ancora un po’ e cercherò di uscire con un articolo come si deve. Per ora accontentati di sapere che è una Wolter… E non è escluso che debba chiedere informazioni a te! Ciao

      • enrico tammiso Says:

        Grazie di esserti fatto sentire, Diego. Francamente è una marca che non avevo mai sentito, e si che del mondo bici ne mastico un pò. Non si è mai arrivati, amico mio! Attendo con ansia (PS: ho una Maino 43-44 che sembra sua sorella….)

  2. La Wolter anni ’20 | Viaggiatorierranti Says:

    […] provo a luglio e la uso durante l’estate, ma il vero test arriva con la pedalata d’epoca organizzata […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: